Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 12:05 - 23/5/2015
  • 353 utenti online
  • 39883 visite ieri
  • [protetta]

Avevo capito benissimo dal titolo del suo commento, per quel che riguarda la rotatoria , da lei impropriamente chiamata del Gallo , devo correggerla in quanto quella si chiama della Provinciale Camporcioni. .....
Non mi riferisco alla rotatoria detta "del Gallo" ma allo spartitraffico e relativi instradamenti fra via Marconi e via del Porrioncino. Per quanto concerne la rotatoria davanti all'ingresso dell'autostrada .....
CICLISMO

Dopo lo straordinario successo, ottenuto da Anna Zita Maria Stricker sulle strade di Bolzano, il team Inpa Sottoli Bianchi Giusfredi si prepara ad affrontare la prossima gara che si terrà proprio in Toscana, regione della formazione giallo-celeste del presidente Marco Luchi.

VOLLEY

Sono soltanto 7 i posti ancora disponibili per partecipare al 1° camp estivo “Città di Monsummano Terme” con Savino del Bene Volley Scandicci Serie A1, in programma dal 15 al 19 giugno prossimi al palazzetto dello sport di piazza Pertini a Monsummano.

VOLLEY

Poteva essere la gara della promozione al campionato d'Elite per il gruppo misto Pallavolo Monsummano ed invece è arrivata un'inattesa sconfitta casalinga nel terzo match del girone di ritorno seconda fase.

BOCCE PIEVE A NIEVOLE
Dopo una lunga malattia ci ha lasciato Luigi Serpentoni,figura di primo piano nel volontariato delle bocce agonistiche pievarine ,mondo nel quale ha sempre dato tanto da persona altruista spinto unicamente dalla sua volontà di rendersi utile alla collettività di Pieve a Nievole.
CALCIO

Ancora una coppa per l’istituto G. Galilei che sabato si è qualificato al secondo posto al torneo di calcio unificato organizzato dall’Istituto Giorgi di Lucca in occasione dell’European Football Week Special Olympics. 

CALCIO

Grandi soddisfazioni in casa Polisportiva Margine Coperta per i risultati che arrivano dalle categorie giovanili. Gli Esordienti B anno 2003, guidati in panchina da Alessandro Ricci e Vincenzo Chianese, hanno conquistato il prestigioso Torneo “Cori” di Massa Carrara.

SPORT

L’amministrazione comunale di Chiesina Uzzanese è stata la principale organizzatrice della terza festa paralimpica “Disabile chi!!??”, svoltasi lo scorso 16 maggio con il patrocinio dalla Provincia di Pistoia e il contributo del consiglio regionale toscano.

VOLLEY

Non riesce nell'impresa di laurearsi campione provinciale la Seconda Divisione Tecnopel dell'Enegan Pallavolo Monsummano. La formazione di Eleonora Arfaioli, che chiude al secondo posto il girone finale del campionato con 23 punti.

none_o

Una foto di Jonas Mekas che ritrae John Lennon a canestro e uno scatto dello street artist Jr.

none_o

Fino al 5 giugno nel salone moderno dellon stabilimento, nell’ambito della III edizione del Festival Oci Ciornie.

none_o

In palazzo comunale a Montecatini, dal 23 maggio al 15 giugno.

none_o

Ornella si considera una campionessa di cadute, anche se si è sempre saputa rialzare. Ma l'ultima batosta è difficile da accettare.

Nella penombra della sacrestia
non mi sentivo del tutto a casa .....
Finalmente s'è dischiusa
quella crosta dura
che pareva seppellire .....
MOVIMENTO E BENESSERE
di Gabriele Giachi
SANITA', SALUTE E DINTORNI
di Claudio Guerra

Con la recente delibera approvata dalla Giunta il Codice rosa è presente in tutta la Toscana.

Marcella Bertocci Masso fisioterapista, Insegnante Master Yoga, .....
Confcommercio Montecatini Terme organizza per il mese di Maggio .....
Confcommercio Montecatini Terme organizza per il mese di Maggio .....
Aperte le iscrizioni per il Corso “agente e rappresentante .....
VINI GIUSTI
di Guido Ricciarelli
Il Vino dei Misteri

19/2/2011 - 20:05


IL VINO DEI MISTERI

Per la mia prima trasferta dell’anno (il Ponte dell’Epifania) ho puntato verso il Piemonte. Impossibile resistere al fascino dei rossi da uve nebbiolo che trovano straordinari interpreti dal nord della regione al Roero e, soprattutto, nelle Langhe. Barbaresco e Barolo sono denominazioni imprescindibili nelle gerarchie nazionali e continua fonte di scoperta per l’appassionato. Le diversità pedoclimatiche delle varie sottozone si riflettono nei vini, mettendo in evidenza una pluralità di espressioni di alto livello raramente riscontrabile altrove. Esistono (e ci mancherebbe altro) etichette di culto, dal pricing in linea con il loro mito e quasi sempre giustificato da una qualità eccelsa. Attorno ad esse ruotano straordinarie opportunità di acquisto per chi intenda declinare il rapporto qualità/prezzo verso l’alto. Non è così difficile cogliere l’effettiva matrice artigianale di certi vini se si visitano i luoghi, se si osservano le vigne, se si ascoltano gli uomini che ne traducono i frutti nel bicchiere. Il capitolo Barolo, per la sua ampiezza, merita uno sguardo dedicato che intendo riprendere con la dovuta articolazione. Più circoscritto nell’estensione territoriale ma non meno significativo negli esiti e variegato nella proposta il panorama di Barbaresco. Angelo Gaja ne rappresenta l’ambasciatore planetario per l’irreprensibile costanza qualitativa e la proverbiale longevità. Leggendario il Barbaresco Asili di Bruno Giacosa, figura carismatica della storia enologica italiana. Non meno eclatanti i Barbaresco della Tenuta Cisa Asinari, con un derby interno fra Gaiun e Camp Gros che rende arduo l’imbarazzo della scelta. Un trittico di aziende che rappresenta il gotha della denominazione ma non ne esaurisce le punte di eccellenza. Fantastico il Barbaresco Campo Quadro 2007 di Punset cui Marina Marcarino (in regime biologico certificato dal 1987), ha saputo infondere uno slancio gustativo superiore. Da Neive a Treiso per il Barbaresco Rizzi 2006, dall’omonimo cru interamente di proprietà di Enrico Dellapiana. Un vero regalo, a poco più di 20 euro, questo nebbiolo di tessitura finissima, davvero ricamato nello spettro olfattivo e nella trama tannica. Torno a Barbaresco per concludere con il Pajè 2004 di Roagna, giocato invece sulla potenza e sulle suggestioni terrose. Visita, quest’ultima, didattica per ribadire la centralità della vigna, posta in un anfiteatro di struggente bellezza. Congedandomi, Luca Roagna mi ha consegnato una bottiglia non etichettata, attinta dallo storico aziendale. Impossibile carpirgli un accenno, un dettaglio che potesse renderla riconoscibile. Rivelatasi, alla prova del bicchiere di ieri sera, una mirabile fusione di energia e delicatezza dall’abissale persistenza finale. Cosa fosse questo vino non è dato sapere. Resterà il vino dei misteri

Fonte: Guido Ricciarelli
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: