Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 09:10 - 26/10/2014
  • 418 utenti online
  • 25192 visite ieri
  • [protetta]

Sono un cittadino di un comune limitrofe e pur avendo 3 grandi supermercati a distanza 50 metri luno dall' altro . . . una volta al mese andiamo a esselunga x comprare la carne squisita . . non troviamo .....
Le ronde sono state bandite in seguito alla sentenza della Corte Costituzionale che bocciò il pacchetto sicurezza Maroni, è giusto o no la decisione è stata presa e pertanto questa decisione va rispettata. .....
VOLLEY

Seconda sconfitta consecutiva nel campionato provinciale under 18 per la Misericordia Pieve a Nievole, che cade a Quarrata contro le locali del Blu Volley con un netto e sorprendente 3-0 (26-24/25-14/25-22).

BOCCE

Sabato, dopo la lunga pausa estiva, ricomincia il Campionato Italiano di serie A. La Montecatini Avis, prepara l’appuntamento del 25 ottobre, giorno del debutto in trasferta  contro la corazzata dell’Aquila, campione di tutto e con in organico atleti di assoluto spessore internazionale. 

CALCIO

Sono tre i principali impegni che la scuola calcio dei Giovani Calciatori Monsummano porterà avanti durante questa stagione: l'organizzazione di tornei di livello e la partecipazione a rassegne in giro per la Toscana, il progetto Scuola Calcio Certificata con il centro tecnico federale di Tirrenia e il Progetto Scuola.

CALCIO

Con i due posticipi del lunedì si è conclusa la seconda giornata del Campionato Interprovinciale di Eccellenza del Csi. 

VOLLEY

Le ragazze di Fabio Giannotti ed Eleonora Arfaioli perdono 3/1 ad Arezzo contro lo Ius Pallavolo (parziali: 25-20, 25-27, 25-20, 25-16), ma possono recriminare per una gara forse bagnata dall'emozione del debutto.

BASKET

Esordio amaro al Palavinci per la Pfm Cure 2 Children che deve arrendersi alle valdarnesi dopo una buona partenza. Non basta la proficua prova del capitano a tenere a galla  la squadra che dopo un buon approccio alla gara e un primo tempo  brillante  inizia a perdere  terreno dalle avversarie.

BOCCE
SERIE D VOLLEY FEMMINILE

Avvio di campionato difficile per la giovane prima squadra femminile della Pieve Volley, compagine alle prime armi in categoria: alla palestra ‘Custer De Nobili’ di Santa Maria a Colle è arrivata una sconfitta per tre a zero (25-13/25-20/25-16) contro la formazione dell’Olympic Volley Lucca

none_o

Torna Pietro Paladini, l'eroe immobile di "Caos calmo", che 9 anni dopo ritroviamo nella situazione opposta.

none_o

In ottobre sono previste attività didattiche rivolte alle scuole e alle famiglie. Guarda il video.

none_o

Pronto il cartellone con gli spettacoli di prosa della stagione 2014-15 al Teatro Pacini. Gli spettacoli avranno inizio alle ore 21.

none_o

Un’incalzante caccia all’uomo, una partita a scacchi tra bene e male, costruita da uno Stephen King maestro della suspense.

Sotto le mie piume pongo il capo stanco. . .
nascondo gli occhi .....
Quanti invernali giorni
Rue Gay Lussac
scalcinato hotel
imparziale .....
SANITA', SALUTE E DINTORNI
di Claudio Guerra

Con la recente delibera approvata dalla Giunta il Codice rosa è presente in tutta la Toscana.

MOVIMENTO E BENESSERE
di Gabriele Giachi

Qualcosa di nuovo, di diverso, divertente, inedito, aggregante e…geniale.

Marcella Bertocci Masso fisioterapista, Insegnante Master Yoga, .....
L'Associazione Culturale A regola d'Arte organizza per sabato .....
Il negozio Benessere senza Glutine di Monsummano Terme organizza .....
Corsi Di Ricostruzione Unghie Montecatini
AUTORE: Angelica
email: .....
VINI GIUSTI
di Guido Ricciarelli
Il Vino dei Misteri

19/2/2011 - 20:05


IL VINO DEI MISTERI

Per la mia prima trasferta dell’anno (il Ponte dell’Epifania) ho puntato verso il Piemonte. Impossibile resistere al fascino dei rossi da uve nebbiolo che trovano straordinari interpreti dal nord della regione al Roero e, soprattutto, nelle Langhe. Barbaresco e Barolo sono denominazioni imprescindibili nelle gerarchie nazionali e continua fonte di scoperta per l’appassionato. Le diversità pedoclimatiche delle varie sottozone si riflettono nei vini, mettendo in evidenza una pluralità di espressioni di alto livello raramente riscontrabile altrove. Esistono (e ci mancherebbe altro) etichette di culto, dal pricing in linea con il loro mito e quasi sempre giustificato da una qualità eccelsa. Attorno ad esse ruotano straordinarie opportunità di acquisto per chi intenda declinare il rapporto qualità/prezzo verso l’alto. Non è così difficile cogliere l’effettiva matrice artigianale di certi vini se si visitano i luoghi, se si osservano le vigne, se si ascoltano gli uomini che ne traducono i frutti nel bicchiere. Il capitolo Barolo, per la sua ampiezza, merita uno sguardo dedicato che intendo riprendere con la dovuta articolazione. Più circoscritto nell’estensione territoriale ma non meno significativo negli esiti e variegato nella proposta il panorama di Barbaresco. Angelo Gaja ne rappresenta l’ambasciatore planetario per l’irreprensibile costanza qualitativa e la proverbiale longevità. Leggendario il Barbaresco Asili di Bruno Giacosa, figura carismatica della storia enologica italiana. Non meno eclatanti i Barbaresco della Tenuta Cisa Asinari, con un derby interno fra Gaiun e Camp Gros che rende arduo l’imbarazzo della scelta. Un trittico di aziende che rappresenta il gotha della denominazione ma non ne esaurisce le punte di eccellenza. Fantastico il Barbaresco Campo Quadro 2007 di Punset cui Marina Marcarino (in regime biologico certificato dal 1987), ha saputo infondere uno slancio gustativo superiore. Da Neive a Treiso per il Barbaresco Rizzi 2006, dall’omonimo cru interamente di proprietà di Enrico Dellapiana. Un vero regalo, a poco più di 20 euro, questo nebbiolo di tessitura finissima, davvero ricamato nello spettro olfattivo e nella trama tannica. Torno a Barbaresco per concludere con il Pajè 2004 di Roagna, giocato invece sulla potenza e sulle suggestioni terrose. Visita, quest’ultima, didattica per ribadire la centralità della vigna, posta in un anfiteatro di struggente bellezza. Congedandomi, Luca Roagna mi ha consegnato una bottiglia non etichettata, attinta dallo storico aziendale. Impossibile carpirgli un accenno, un dettaglio che potesse renderla riconoscibile. Rivelatasi, alla prova del bicchiere di ieri sera, una mirabile fusione di energia e delicatezza dall’abissale persistenza finale. Cosa fosse questo vino non è dato sapere. Resterà il vino dei misteri

Fonte: Guido Ricciarelli
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: